sabato 29 aprile 2017

Ho scoperto che...


... mi piace la lana.

Cioè, che mi piace la lana l'ho sempre saputo, eh.
Però adesso sono sicura che mi piace più di ogni altra fibra, almeno per quanto riguarda il lavoro a maglia.
E siccome lavoro a maglia tutto l'anno, quando arriva la primavera entro in crisi, perché vorrei fare qualcosa di estivo, mi lascio tentare dalle altre fibre e rimango inevitabilmente delusa.
Adoro il lino, anzi il tessuto di lino: appena cominciano i primi caldi inizio a comprare tuniche, camicie, gonne e vestiti di lino, ho trovato due negozi che mi piacciono tanto: Linenbee
KnockKnockLinen e non li mollo più... però lavorare a maglia con il filato di lino non mi piace: è sempre troppo rigido e scivoloso, e lo scialle estivo che sto attualmente lavorando non mi soddisfa quanto vorrei.
Il cotone? Non sopporto quello mercerizzato. Come dire, non sopporto il cotone, visto che il 99, 9% del cotone sul mercato è così. Praticamente siliconato.
Ho provato l'hemp, la fibra di latte, il bambù, la seta.
Non è che rifiuto tutto a priori, ma una certa percentuale di lana nel filato rende tutto più leggero, armonioso, equilibrato, scorrevole in punta di ferro.
Ed allora, come non amare la lana? Impossibile.

venerdì 14 aprile 2017

Pasqua in cucina!

I piatti tradizionali della cultura gastronomica italiana per festeggiare la Pasqua sono tanti e per tutti i gusti.
A me piacciono molto le torte salate ed ho preparato una "brioche salata", gustosa e soffice, molto buona e anche molto pratica per ricche colazioni pasquali o picnic di Pasquetta.


Di origine campana, si prepara con un impasto lievitato arricchito da formaggi vari (provolone piccante e mozzarella a pezzetti, grana grattugiato), dadini di prosciutto cotto, burro e uova.
Anche casatiello e tortano sono due ciambelle salate di origine campana, ma hanno un impasto diverso, inoltre nel casatiello le uova sono sopra, col guscio!
Nel tortano, invece, la pasta cosparsa di ciccioli, viene avvolta su se stessa.
Buona Pasqua!