sabato 25 ottobre 2014

Buttati, che è morbido!


Tempo fa confessavo su questo foglio virtuale la mia incapacità nel fare le calze, o meglio, nel lavorare a maglia con i ferri a doppia punta; e, contestualmente, ingannavo il mio orgoglio ferito con l'acquisto di ferri circolari molto corti, appositamente destinati alla produzione di calze e guanti.
Questi minuscoli ferri circolari non sono proprio comodissimi... certo, a tutto ci si abitua, ma la parte rigida dove le mani fanno presa è davvero corta e le dita finiscono per rattrappirsi, affaticandosi. Per farla breve, il calzino non l'ho mai terminato.
Nonostante tale bruciante sconfitta, ho partecipato ad un knitting tour, in Islanda, a tema mittens, ovvero guanti. Sì, mi sono buttata. Nonostante tutto.
E ho vinto. Costretta ad usare i ferri a doppia punta, non avevo che una soluzione: usarli. 
È stato molto meno traumatico del previsto, e mi domando se il mio blocco non fosse meramente psicologico.
Adesso, ca va san dire, sono in preda a febbre da dpns (double point needles)!

Nessun commento:

Posta un commento

Stonewall of Aran in progress

Lavoro a maglia di gran lena, ispirata dalla pioggia delle isole Aran, dagli incontri fatti, dal tweed e dalle rocce. In preparazione ho un...